• Un Dream Team per un'Italia da sogno

    Un Dream Team per un'Italia da sogno

    Leggi
  • Oltre la sponsorizzazione…una vera partnership tecnologica

    Oltre la sponsorizzazione…una vera partnership tecnologica

    di Marcel Vulpis

    Leggi

Un Dream Team per un'Italia da sogno

10 giocatori nei primi 100 al mondo. Mai accaduto. Ne parliamo con il neo-Capitano non giocatore della Nazionale, Filippo Volandri.
 
Un particolare che non cambierà la storia. Oggi non è un giorno come gli altri. Yannick Sinner è appena uscito sconfitto dalla sua prima finale Masters 1000 a Miami.
Ma questo piccolo incidente di percorso non altera la percezione, quasi oggettiva, che diventerà a breve un Top Player.
E c'è qualcuno che gongola, essendo convinto che avrà a disposizione una delle squadre di Coppa Davis più forti di sempre. Con tanti fuoriclasse già affermati e qualche gioiello,
ancora grezzo, che presto diventerà un diamante. 
Da gennaio scorso, dopo 2 anni da Direttore Tecnico, c'è un nuovo Capitano non giocatore della Nazionale italiana. Filippo Volandri, 40 anni a Settembre, 
eredita lo scettro del comando dopo un ventennio di gestione di un'icona di questo sport, Corrado Barazzutti. 

"Yannick è un predestinato ed un precoce. Dedito al tennis, a soli 19 anni, ha le caratteristiche di uno di 25. E' molto maturo per la sua età e questo può essere un grande vantaggio
nei confronti dei tennisti coetanei. Ha tutte le caratteristiche per diventare un Numero Uno nel prossimo futuro. Oltre la sua oggettiva potenza, il sangue freddo e la
capacità di rimanere lucido nelle partite, quello che mi colpisce è l'innata dote di leggere il match e le mosse dell'avversario durante la partita. Conosce i suoi pregi ma, cosa molto importante, lavora duro su suoi limiti che a breve, sono sicuri, verranno superati. Il tutto dimostrato anche della serena analisi che ha fatto della finale persa contro il polacco Hurkacz" 

Qual è precisamente il ruolo del capitano non giocatore nella Nazionale italiana?

"Sto cercando di approcciarmi in un modo diverso a questo ruolo di Allenatore. Preparare i ragazzi alla Davis è un compito che potrebbe sembrare limitato al periodo delle 
sfide di Coppa.  A novembre in due settimane, dal 25 al 5 Dicembre, ci si gioca tutto contro Usa e Colombia. Voglio cercare di seguire i ragazzi quotidianamente, andando a trovarli dove si allenano e confrontarmi con loro durante tutto l'anno. Voglio conoscere bene oltre al fattore tecnico anche quello umano. Capire bene cosa possa pretendere sia emotivamente sia tecnicamente da ognuno. Cercherò di trasmettergli, ove ce ne fosse bisogno, i valori dell'identità azzurra e l'attaccamento alla maglia. Il nostro è pur sempre un gioco individuale ed è per questa ragione che bisogna cominciare a pensare come una squadra" 

Giocatori seguiti H24 tutto l'anno da propri allenatori, come riesci a trasmettere il tuo tennis alla squadra?

"Cercando di parlare con i loro coach. Già collaboro in Federazione con Santopadre (Berrettini) e Arbino (Sonego). Bisogna instaurare un rapporto di cooperazione, confrontandoci e trovando le migliori soluzioni per affrontare la sfida della Coppa. La Davis è cambiata molto. Dovremmo giocare i 2 singolari ed il doppio lo stesso giorno. Quindi, studieremo insieme, quali possano essere i giocatori pronti ad affrontare un doppio incontro in poche ore. Dobbiamo anche lavorare per creare un Doppio che sia all'altezza dei Campioni del passato e sono convinto che faremo molto bene. Ho già diverse soluzioni in testa"

Per 4 anni il n.1 in Italia ed il 25 al mondo. Ora ne abbiamo 10 nei primi 100. Numeri alla mano, nel ranking ATP sono posizioni che rispecchiano la realtà?

"Ho avuto sempre molto rispetto dei punteggi e delle classifiche. Rispettano fedelmente una serie di elementi e dati oggettivi. E' chiaro che il posizionamento
nelle graduatorie è il frutto di diversi fattori e risultati raggiunti durante l'intera stagione. 
Abbiamo tanti talenti ed ottimi giocatori. Sono convinto che allenerò una super squadra che potrà toglierci tante soddisfazioni. Sono orgoglioso che anche Mager 
sia entrato nei 100 dopo la vittoria del Challenger a Marbella. Ha tanto lavoro da fare ma la sua giovane età lo porterà ad un miglioramento esponenziale. 

Dopo la carriera agonistica, hai fatto per molto tempo il commentatore per Sky. C'è qualcosa da fare per rendere il tennis ancora più televisivo?
"Ho svolto con grande passione il ruolo di voce tecnica nelle telecronache. Ho sempre studiato molto prima delle partite da commentare, volevo essere un valore
aggiunto nel racconto della partita. Ogni giocatore sceso in campo lo conoscevo alla perfezione. Se c'è qualche miglioria da fare, potrebbe essere la durata delle partite.
Alcune volte durano veramente troppo e con i ritmi di vita che abbiamo oggi, rischiamo che il telespettatore si alzi dal divano"   

Sei appassionato di altri sport?

"Essendo livornese seguo con grande simpatia le vicende delle squadre della mia città. Mi piace il basket, essendo anche nipote di un grande giocatore della mitica
Ignis Varese Valerio Vatteroni. Berrettini e Sonego sono malati di Nba e non si perdono una partita del campionato americano."

Il 10 Maggio del 2007, dopo aver sconfitto Federer 6/2 6/4, feci il giro del campo per dare il cinque a tutto il pubblico...

"Fu sicuramente il punto più alto della mia carriera. Battere agli Otttavi il n.1 al mondo e poi arrivare fino alla Semifinale, è stato il massimo per me. Penso che dopo
aver raggiunto quel risultato nel mio Paese, mi ha fatto entrare di diritto nella storia del tennis italiano. L'atmosfera che vissi
al Foro Italico è un ricordo indelebile che porterò sempre con me" 

Quanto è triste vivere un altro Internazionale d'Italia a porte chiuse...

"Toglie tanto al torneo più affascinante del Circuito. Roma è amata dai migliori giocatori al mondo perchè, oltre allo scenario storico dell'impianto, il pubblico è stato sempre un valore aggiunto. Un quadro ad una delle cornici più belle del Torneo dei Masters. Speriamo che sia l'ultima volta, perchè il nostro sport ha bisogno del silenzio per la concentrazione nella battuta, ma ancor di più del chiasso affettuoso dei sui appassionati" 

Non potevamo finire... senza parlare di Padel...

"Ci gioco quando posso e mi diverto tanto. Porta entusiasmo ed attenzione alla nostra Federazione, ma lo considero un altro sport. Bellissimo gioco, ma sfruttare le sponde ti porta a certe dinamiche di campo che nel tennis sono sconosciute. Un fenomeno in continua ascesa che ha anche permesso a molte fasce d'età di continuare a fare sport
a buoni livelli. Non penso che possa essere considerato un allenamento, propedeutico al tennis"

Tabella da inserire....grazie

Classifica ATP Aprile 2021

Matteo Berrettini n.10
Fabio Fognini n.18
Jannik Sinner n.23
Lorenzo Sonego n.34
Stefano Travaglia n.69
Salvatore Caruso n.87
Lorenzo Musetti n.90
Gainluca Mager n.91
Marco Cecchinato n.93
Andreas Seppi n.96 

Pubblicità Agenzia Nazionale

  • Marketing Xpression
  • Via della Giustiniana, 959 - 00189 Roma
  • Marco Oddino - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - T 335 6684027

Pubblicità Agenzia Locale

  • Governale ADV di Giuseppe Governale
  • Media&Communication
  • Via bernardo blumenstilh 19 – 00135 roma
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 06.89020451 - Cell.335.8423911

Demo

Follow your passion

Seguici

About

  • Sportclub srl
  • Via Morlupo, 51 00191 Roma

Contatti

  • tel. 3933270621
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Direttore

  • Luigi Capasso
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Redazione

  • Giuliano Giulianini
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.